AIAB Umbria AIAB UMBRIA associazione italiana per l’agricoltura biologica

Menu header:

Home  |  Contatti

Sei in :   Home  /  News  /  Si trova nei campi la scuola dove la “fragilità” non è un limite insuperabile

23/10/2022

Si trova nei campi la scuola dove la “fragilità” non è un limite insuperabile

Si trova nei campi la scuola dove  la “fragilità” non è un limite insuperabile

È denominata “Scuola Esperienziale Itinerante” (in sigla Sei) la possibile risposta ad una molteplicità di questioni aperte nella società contemporanea: fragilità psicologica delle giovani generazioni, esigenza di un’identità nel contesto sociale, ricerca del lavoro, urgenza di affiancare le famiglie alle prese con i casi più impegnativi di disagio psichico.

La Sei è un progetto in corso di realizzazione da parte di Aiab Umbria APS che sta facendo dell’agricoltura sociale una piattaforma dove i soggetti attivi nella tutela delle persone fragili possono collaborare migliorando i risultati della propria azione.

Da qui la nascita del’iniziativa che vede coinvolte, per ora, sette aziende biologiche socie AIAB, che accolgono le persone della Scuola Esperienziale, coinvolgendole nell’attività produttiva. Queste insieme alle Opere Pie di Perugia sono impegnate nel dare continuità all’esperienza che ha già indicato la strada percorribile: “Coltivare talenti”.

Tutto inizia da “Coltivare talenti”

Sui terreni messi a disposizione dalle Opere Pie Riunite di Perugia, a Torgiano la cooperativa sociale Frontiera Lavoro, capofila del progetto Coltivare Talenti e AIAB Umbria, tra le altre cose, ha promosso per due anni (peraltro difficili, 2020 e 2021) quattro laboratori di orticoltura biologica della durata di 5 mesi, per 8 persone selezionate tra quelle prese in carico dai servizi sociali del comprensorio perugino e le comunità terapeutiche, in quanto vulnerabili o esposte al rischio di esclusione sociale. Alla fine del progetto su quegli stessi terreni, c’è stata la trasformazione in azienda agricola biologica che ha inserito stabilmente alcuni partecipanti, nella compagine lavorativa

La forza della scuola Esperienziale itinerante scaturisce dal rovesciamento del tradizionale paradigma dell’apprendimento scolastico in aula per affermare, invece, la centralità del momento pratico e il valore dell’esperienza di chi l’agricoltura biologica la conosce e la sperimenta ogni giorno.

Campi, serre, stalle, punti vendita sono le “aule”, agricoltori e tecnici sono “docenti”. I risultati sono stati così incoraggianti da spingere Aiab Umbria Aps e la Fondazione Opere Pie di Perugia Aps, grazie alla disponibilità e all’interesse delle aziende ospitanti, ad attivare, comunque, una prima fase sperimentale della Sei-BioAs.

Questo in attesa dell’esito della domanda di finanziamento presentata per il Programma di sviluppo rurale (bando 16.9.1) e sottoscritta da 12 soggetti tra imprese e istituzioni (vedi box). Tutto nella convinzione che si tratti di un modello di carico di proposte innovative per il settore dell’agricoltura sociale e del welfare partecipato.

Collaborazione tra Italia e Germania

Questo è stato possibile grazie al sostegno economico arrivato da una fondazione germanica, Heidehof Stiftung GmbH (HHS), impegnata nell’educazione e promozione sociale della disabilità, per iniziare a sperimentare da subito, con molte delle aziende partner del progetto il funzionamento di questo modello. Un contributo importante integrato da AIAB Umbria e dalla partecipazione delle aziende.

La Fondazione Opere Pie di Perugia supporta questa fase “sperimentale” di prova con un riconoscimento economico ai partecipanti, come nelle finalità e nello Statuto dell’Ente.

Il progetto Sei-BioAs partecipante ai bandi del PSR ha la durata di 15 mesi: due di preparazione, selezione e organizzazione, 12 di attività in azienda e uno finale per valutare i risultati e la replicabilità del modello, insieme alla parte finale della disseminazione a cui parteciperanno anche il Comune di Bevagna e Felcos. Un’esperienza che potrà coinvolgere fino a un massimo di 7 persone sulla base delle compatibilità delle loro problematiche con l’esperienza da affrontare e le motivazioni partecipative.

Che cos’è l’agricoltura sociale...

Uno dei principi base dell’agricoltura sociale è quello di erogare contemporaneamente beni alimentari e inclusione socio lavorativa, grazie a metodologie basate su attività molteplici e diversificate che permettono alle persone coinvolte nei processi, di trovare la propria collocazione e, di frequente, realizzazione.

… biologica

L’agricoltura biologica diventa il mezzo tramite il quale si affrontano problemi e si superano piccoli ostacoli, in quanto, gran parte del lavoro agricolo, soprattutto quello manuale (ex: trapianti, raccolte, potature, controllo delle malerbe, preparazioni e vendita) pone tutti alla pari e offre occasione di incontro, quindi di dialogo attivo, non tra utente e terapeuta, bensì tra persone ed è questa la chiave vincente per creare situazione dove tutti si aiutano, all’interno dei quali ognuno si sente utile apportando le proprie capacità e esperienze.

Progetto Sei-BioAs - Aziende, fondazioni, istituzioni partecipanti

Soc. Ag. Amoenius s.r.l.s – Pale di Foligno (capofila)

Colti.va società agricola s.r.l.s. - Corciano

Piccola Cantina Rossi – Castello delle forme Marsciano

Soc. agr. Microcosmo - Vallupina (Magione)

Tenuta I Cantalupi di Montefiori - Bevagna

Agricola A. Frascarelli di Martelloni Matteo – Bettona

AIAB Umbria APS

Coop. Sociale A e B Frontiera lavoro - Perugia

Coop. Sociale B l’Albero di Zaccheo – Preci

Fondazione Opere Pie Riunite di Perugia

Felcos Umbria

Comune di Bevagna

[ leggi tutte ]

Copyright 2022 AIAB UMBRIA

San Mariano di Corciano
c/o Centro Commerciale IL GIRASOLE
Via Aldo Moro 40/44 - 06073 Perugia

P. I. 02754690549

Menu footer:

Privacy  |  Contatti  |  Diventa socio  |  Chi siamo  |  Cookie Policy